Perle sostenibili www.genisi.com

Per i paesi in via di sviluppo, l’industria è stata spesso equiparata allo sfruttamento.

Per secoli il mercato di minerali, legname, petrolio e altre risorse ha lasciato ben poco alle proprie spalle, se non ricche élite, imprese straniere arricchite e disastri ambientali a discapito delle generazioni future.

 

coltivazione perle nelle Isole Fiji. Ph. by Laurent Cartier
Coltivazione perle naturali nelle Isole Fiji. Ph. by Laurent Cartier

 

Manutenzione ostriche
Manutenzione ostriche

 

Anche il mercato del gioiello -oro, diamanti e pietre preziose in primis– è spesso stato causa di un mancato rispetto per ecologia ed umanità, ma è oggi possibile scegliere! Una scelta consapevole per un acquisto sostenibile è ciò che mi spinge ogni giorno ad utilizzare perle etiche, nel pieno rispetto dell’ambiente, delle popolazioni autoctone e delle culture locali.

Perle naturali etiche e sostenibili

Forse la coltivazione delle perle può oggi essere differente, sostengono due ricercatori dell’Università del Vermont, Laurent Cartier e Saleem Ali.

Il mercato multi-miliardario delle perle promette un modello economico sostenibile per alcune nazioni costiere e insulari. Per ottenere “Sustainable Pearls” sono necessarie acque incontaminate, un lavoro attento e un controllo continuo,ma questa tipologia di allevamenti di perle naturali incentiva un ambiente più pulito e una forte domanda di lavoro in luoghi in cui la necessità di entrambe le cose è oggi giunta al limite.“La coltivazione delle perle può essere una delle forme più redditizie di acquacoltura” in isole remote con “opportunità economiche molto limitate”, scrive la coppia sul giornale Solutions, ma può anche essere un salvagente per molti paradisi naturali

 

Fondali marini Polinesia Francese. Ph. by Laurent Cartier
Fondali marini Polinesia Francese. Ph. by Laurent Cartier

 

preparazione ostriche
Preparazione delle ostriche
Inseminazione ostriche. Ph. by Laurent Cartier
Inseminazione ostriche. Ph. by Laurent Cartier

 

Al momento, le perle sono uno dei prodotti più preziosi delle isole del Pacifico, generano maggiori entrate rispetto a qualsiasi altra industria, ad eccezione del turismo, sia a Tahiti che in tutta la  Polinesia francese.

Perle: la biodiversità ecosostenibile h3

Finora le ostriche da perla sono cresciute ovunque vi fossero acque calde a nutrirle.

Dalla Cina agli Emirati Arabi, una crescente domanda globale ha contribuito a favorire l’espansione dell’industria e un esiguo ma crescente interesse per le materie prime del commercio controllato o etico.

Dal momento che le perle sono testate come un nuovo modello per generare opportunità economiche proteggendo contemporaneamente gli ecosistemi, questo potrebbe cambiare.

Una “recente e timida storia di successo” sta emergendo negli Stati Federati della Micronesia dove la coltura delle perle ha coperto la perdita di introiti dalla pesca di barriera dopo la creazione delle zone con divieto di pesca e le aree marine protette.

Un report dal Programma Ambiente delle Nazioni Unite afferma che collegare il benessere economico ed ambientale è un buon affare ” c’è un chiaro collegamento tra l’eradicazione della povertà, la protezione ed il ripristino dell’habitat delle risorse di pesca marina e della biodiversità.”

 

il raccolto della coltivazione
Il raccolto della coltivazione

 

Scegliere di indossare gioielli con perle sostenibili vuol dire avere a cuore tanto la sostenibilità ambientale, quanto il rispetto delle diverse culture e di tutti coloro che non godono oggi dei nostri stessi privilegi.

La qualità di un lavoro artigianale applicato al singolo monile chiude infine il cerchio di un processo etico e socialmente corretto.

Se condividi le mie scelte, eccoti qualche esempio di collane, orecchini, cavigliere, anelli, ciondoli e bracciali, realizzati a mano e con perle sostenibili disponibili sullo Shop Online.


Articoli Correlati