costo perla di ostrica

Quanto costa una perla di ostrica

Spesso ci troviamo davanti ad una perla di ostrica ma non ne riusciamo a capire il valore. La domanda “quanto vale una perla d’ostrica?” non ha infatti una risposta semplice, nè banale. Proviamo dunque a capire insieme come scoprire il prezzo di una perla d’ostrica, in base ai diversi fattori da tenere in considerazione. 

Come si forma una perla di ostrica

Innanzitutto è doveroso fare una premessa: una perla viene definita d’ostrica quando si forma tra i tessuti molli di un’ostrica, nella zona che sta tra il pallio e la conchiglia. Solitamente tutto inizia con un parassita o un granello di sabbia che, dopo essersi inserito in modo naturale o in coltura, provoca lo spostamento del tessuto da una parte all’altra del mollusco. Quest’ultimo si difende grazie ad una combinazione di aragonite, calcite e conchiolina, chiamato nacre. Tale procedimento, strato dopo strato, forma quella che noi conosciamo come la perla finale, un gioiello prezioso e molto ambito. 

È bene specificare che la maggior parte delle perle che si trovano attualmente sul mercato è di coltura, mentre quelle naturali sono sempre più rare. Nonostante ciò, il processo che crea la nascita di una perla di coltura o di una naturale è lo stesso: la sola differenza è che il corpo estraneo che dà origine alla nascita della perla viene introdotto nel mollusco artificialmente.

Come riconoscere una perla di ostrica da una perla finta

Una perla d’ostrica ha un valore diverso rispetto a una perla sintetica: ma come fare a riconoscerle senza essere degli esperti? Esiste un modo, semplice ma efficace, per riuscirci subito. È detto il “test del dente” e, seppur poco elegante, è impossibile da sbagliare. Consiste nello sfregare la superficie della perla con l’estremità dei denti incisivi: se la superficie della perla risulta ruvida non c’è alcun dubbio: siamo davanti a una perla d’ostrica. Diversamente è facile che la perla sia sintetica: finta, appunto.

Quanto vale una perla di ostrica?

Come abbiamo anticipato inizialmente, non è semplice dare un valore ad una perla d’ostrica. Questo gioiello ha infatti diverse variabili che ne determinano il valore finale, a partire dalla tipologia di cui stiamo parlando. Vediamo brevemente le più diffuse.

Perle d’acqua dolce o perle di fiume 

orecchini perla acqua dolce

 

 

 

 

Le perle d’acqua dolce (anche dette perle di fiume) sono le perle più diffuse e le più abbordabili: non hanno il nucleo e sono le più facili da coltivare. La maggior parte della produzione arriva dalla Cina e il costo di una collana con perle d’acqua dolce può variare in media dai 70 ai 2.500 euro. 

Dai un’occhiata ai Gioielli Genisi con Perle d’acqua dolce

Perle Akoya

pendente perle akoya

 

 

 

 

Le perle Akoya si trovano solitamente nei mari del Giappone, ma vengono coltivate anche in Cina, Vietnam e Corea del Sud. Si tratta di perle piccole, con forme e colori differenti: la base del colore è il bianco, ma con sfumature che vanno dal rosa, al panna, fino all’argento. La forma può essere a goccia, ad ovale o a bottone. Il costo di una collana con perle Akoya può variare in media dai 200 ai 5.000 euro.

Guarda i Gioielli Genisi con Perle Akoya

Perle Tahiti

anello perla tahiti

 

 

 

 

Quando parliamo di Perle Tahiti ci riferiamo alle perle nere provenienti dalla Polinesia Francese: il costo di una collana con le esotiche perle di Tahiti può variare in media dagli 300 ai 10.000 euro.

Scopri tutti i prodotti Genisi con Perle Tahiti

Perle dei Mari del Sud

Orecchini sullo shop Genisi con perle dei mari del Sud

 

 

 

 

Infine le perle dei Mari del Sud, le più grandi e le più preziose. Il costo di una collana di perle dei Mari del Sud può variare in media dagli 800 ai 15.000 euro.

Trova il tuo gioiello con Perle dei Mari del Sud sullo shop Genisi

Il fattori che determinano il prezzo di una una perla di ostrica

Ogni perla viene classificata in base a 6 fattori ben precisi: 

  1. spessore del nacre
  2. lucentezza
  3. forma
  4. colore
  5. dimensione
  6. caratteristiche di superficie

Lo spessore del nacre e la lucentezza della perla d’ostrica ne determinano la qualità, mentre forma, colore, dimensione e caratteristiche di superficie ne determinano la rarità. 

Per approfondire il tema della classificazione delle perle e del loro valore leggi qui.

 

Vuoi iniziare i tuoi acquisti? Fai un salto sullo shop Genisi e cerca il prodotto giusto per te o per chi ami. 


Articoli Correlati